Foto del profilo di Anna Bassi
Parole del perineo

Un altro incontro in Bottega della Luna a cura di Gloria Trapani, la nostra ostetrica preferita! Gloria ci ha parlato del perineo (del resto è proprio specializzata nella riabilitazione del pavimento pelvico), ma non è stata una noiosa lezione frontale. È stato un momento di condivisione e anche di gioco, dove ciascuna partecipante ha messo in campo le proprie conoscenze. Il tutto condito da tè caldo e biscottini… a pancia piena è meglio, no?

Quali sono le regole dei nostri incontri? Riservatezza, anonimato, rispetto reciproco, libertà di espressione e non giudizio. Poche, semplici e chiare per far sentire tutte a proprio agio. 

Via ai giochi! … ma che giochi? Gloria ci ha portato un piccolo gioco anatomico che consiste nel posizionare i nomi corretti del nostro apparato genitale, abbinando i nomi alle immagini. Ci siamo messe in campo insieme, unendo le nostre conoscenze.


Piccole chicche anatomiche: la vulva

Ano, vulva, vagina, clitoride. Fin qui, tutto ok. Ma dove la metto la forchetta? Nel cassetto della cucina? 😀 Non proprio, dato che è un sottile lembo di pelle che unisce le grandi labbra e le piccole labbra. Molto spesso diamo la definizione di “vagina” a quella che in realtà è la vulva. Per Semplificare: la vagina è interna (un canale definito “virtuale” perché la maggior parte del tempo in realtà non è un canale), la vulva è esterna. Vulva non è ancora una parola molto utilizzata, ma è importante farla entrare correttamente nel linguaggio per darle il valore che merita! Ma passiamo al protagonista assoluto del nostro incontro: il perineo.

Conoscere il perineo

Conoscere il perineo è molto utile. Con perineo si intende la regione anatomica situata nella parte inferiore del bacino (praticamente la parte che appoggi sul sellino quando vai in bicicletta). È costituito da tessuti molli e muscoli disposti su tre livelli stratificati (superficiale, intermedio, profondo).

Ma che ci facciamo con ‘sto perineo? Un po’ di tutto, è coinvolto nei processi di rilascio di urine e feci, si “attiva” durante i rapporti sessuali , il parto e molti tipi di sport. Insomma, ci serve eccome! Per questo è importante prevenire la graduale (e naturale) diminuzione di elasticità del perineo. Senza una muscolatura elastica possono insorgere problemi di incontinenza e addirittura il prolasso. .

Cos'è il perineo? Figura anatomica

Cosa danneggia il perineo? Stiliamo un breve elenco

– La bipedia. Ops, siamo tutti bipedi! Che fare? Naturalmente non possiamo farci molto. Ma se il nostro pavimento pelvico diventa forte evitiamo che ci sia un danneggiamento;

– Aspetti psicologici ed emotivi, come la depressione.  Il pavimento pelvico è il raccoglitore delle emozioni, se siamo tesi anche lui è teso;

– Sport d’impatto, ginnastica, corsa, bici, danza;

– Postura e movimenti sbagliati, scoliosi;

– Aumenento di peso, gravidanza, parto;

– Pratiche sessuali estreme.

Il nostro corpo non è un insieme di ingranaggi tra loro separati: se ci sono  problematiche fisiche ed emotive  si ripercuotono naturalmente sul resto del corpo, e il pavimento pelvico è una tra le prime zone che ne risentono. 

La saggezza popolare dice: meglio prevenire che curare

Niente paura, esistono anche dei dispositivi in grado di aiutare a prevenire o recuperare l’elasticità del perineo (se sono già insorti problemi consigliamo sempre di consultare un’ostetrica, magari la nostra Gloria per chi abita a Milano o dintorni). Esistono delle “palline” vaginali di silicone medico chiamate Smartball, che vanno inserite in vagina per 5-10 minuti al giorno. La muscolatura del perineo si attiverà naturalmente per sostenere il peso inserito, facendo una ginnastica passiva. È possibile anche intervenire in modo attivo grazie alla ginnastica di Kegel.

Ci sono le Smartball uno (con una pallina singola dal peso di 35 grammi ) e le Smartball duo (con due palline una sopra l’altra, dal peso di 72 grammi). Le Smartball duo sono ottime anche per andare a “mappare” la parte alta della vagina, acquisendo una maggiore sensibilità che aiuta anche ad amplificare il benessere sessuale. Del resto benessere e sessualità vanno di pari passo. Si possono acquistare sia separatamente che insieme nel Set ginnastica pelvica Pelviluna sfere, comprensivo del lubrificante  bio Pelviluna.

Pallina vaginale singola

Se invece preferite che in un unico dispositivo ci sia la possibilità di calibrare pesi diversi, consigliamo il Set ginnastica pelvica Pelviluna Gym. La conchiglia rosa si svita ed è possibile inserire all’interno 3 pesi differenti per una ginnastica graduale.

Chiudere in bellezza con la “Striscia dei pensieri”

Gloria ci ha consegnato le “strisce dei pensieri”, fogliettini di carta bianca o con qualche parola chiave per aiutarci a scrivere… cosa? Un pensiero positivo che ci portiamo a casa dopo questa giornata di condivisione.

Eccoli qui:

“Dalla menopausa vorrei che ci fosse un tasto on-off senza effetti collaterali”.

Purtroppo un tasto simile non esiste… ma si possono prevenire gli effetti, e provare a cambiare la visione! Ogni età della vita ha una sua bellezza e una sua energia, se siamo in sintonia con noi stesse possiamo capire quale energia ci attraversa in quel momento per poterla sfruttare al meglio. Certo che la parola “menopausa” non aiuta… è bruttina come parola.  Se l’avessero chiamata  “Piùenergia” o “Vitalitàimmensa” sarebbe stata tutta un’altra cosa!

“La bellezza di sapere che siamo tutte collegate.”

Beh che dire, si commenta da solo questo pensiero  <3.

“Vorrei  donare la placenta al mare affinchè mia figlia/o venga consacrata/o dalla sua forza”.

Anche questo pensiero è molto poetico! E ci aiuta a ritrovare una visione più armonica con le energie del cosmo.

Ma per concludere…

“Il sesso è un piacere e fa bene alla salute”

.…questa frase è da stampare a caratteri cubitali e appendere in salotto! Ricordiamocelo sempre 😉


Condividi il post sui tuoi social


Chi ha scritto questo post? Anna Bassi

Foto del profilo di Anna Bassi
Artista e arteterapeuta (e anche insegnante di arte e anche altre cose, da brava nativa del segno dei gemelli). Da sempre libera ricercatrice di un femminino sacro, conduce seminari in giro per l'Italia che intrecciano l'arte e la spiritualità femminile.

0 Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico

Related post